+39 081.997243    +39 334 3290112

Vino e Rucolino, ceramiche artistiche e fantasia

Come tutti i luoghi di vacanza, anche Ischia offre una grande scelta per lo shopping

per gli amanti del lusso, boutique esclusive e grandi firme di lusso, gioiellerie e atelier.

 

I prodotti tipici nascono anche dal mare, dalla campagna, dalla manualità degli artigiani.

La gastronomia risente dei sapori di mare e dell’abbondanza di frutta, spezie e verdure dell’Epomeo.

 

Trecce di aglio e peperoncini, erbe e aromi per arrosti e selvaggina, squisitezze come le scorzette di arancio e limone ricoperti al cioccolato fondente, la salsa alla rucola e la pasta fresca,

e ancora Limoncello e Rucolino, gli amari da regalare ai buongustai e da servire rigorosamente ghiacciati.

 

C’è soltanto l’imbarazzo della scelta.

 

Fate un salto da Serpico, in centro a Forio. Un negozio bottega, fermo nel tempo, straripante di prodotti artigianali e rarità che si fanno ricordare.

Il vino di Ischia, poi, si gusta a tavola e si compra nelle case vinicole: a Forio, da non perdere la Casa D’Ambra, per una confezione di Frassitelli o di Biancolella.

 

Un discorso a parte meritano le ceramiche artistiche, che ad Ischia raggiungono livelli tecnici eccelsi. Ma attenzione: mattonelle e vasellame dipinti a mano non sono soltanto un’attrazione per turisti.

Camminando a piedi per le viuzze, scoprirete che tutti gli ingressi delle case hanno piastrelle dipinte a mano, con il nome della famiglia, il numero civico, a volte il Torrione sullo sfondo.

 

La creatività degli isolani prende forma in una miriade di oggetti ed oggettini, tutti irresistibili.

Vasi e tavoli, piastrelle e complementi d’arredo, quadri e quadretti. Non c’è limite alla fantasia, e i colori sono quelli del Mediterraneo: blu e azzurro, verde e arancio, giallo e rosso.

 

Le ceramiche più belle si trovano in centro a Forio, e ce n’è per tutte le tasche.

Da non perdere, poi, le conchiglie e l’artigianato di paglia: sedie, cappelli e bamboline fatte a mano da

un’anziana signora, che spesso siede a lavorare sul piazzale davanti alla Chiesa del Soccorso,

con lentezza, incurante dei viandanti incuriositi.

Share on:

Verifica disponibilità